COSA SONO LE OSAS?

La Sindrome delle Apnee Ostruttive nel Sonno (OSAS) è un disturbo caratterizzato da ripetuti episodi di ostruzione delle vie aeree superiori durante il sonno. Questi episodi sono normalmente associati a una riduzione della saturazione di ossigeno nel sangue e a microrisvegli a livello cerebrale che comportano la frammentazione del sonno. Le conseguenze di tale patologia, se non correttamente trattata, possono essere anche molto severe. Effetti invece più comuni sono il mal di testa, russamento, mancanza di energia, stanchezza, difficoltà di concentrazione, irritabilità e tutte quei sintomi causati da un sonno irregolare.

QUALE ESAME FARE PER DIAGNOSTICARE LE OSAS?

Si effettua il monitoraggio cardiorespiratorio (MCR): un esame non invasivo e non doloroso, eseguito tramite un dispositivo, il poligrafo. Il personale sanitario, presso il domicilio del paziente o in ambulatorio, spiegherà il corretto posizionamento del dispositivo.

Durante la notte, il poligrafo registrerà diversi parametri che permetteranno di valutare il sonno, individuare eventuali episodi di apnea e determinarne la gravità. Il giorno successivo, il dispositivo dovrà essere consegnato in ambulatorio o verrà ritirato al domicilio.

I dati verranno analizzati da un medico pneumologo, il quale emetterà un referto che verrà trasmesso al paziente entro pochi giorni. Per la valutazione dell’esame sarà necessaria la visita di un pneumologo o del medico di famiglia.

In caso di esito negativo il percorso finisce in quanto non sono stati evidenziati disturbi del sonno. Invece in caso di esito positivo, lo specialista potrebbe prescrivere un periodo di adattamento con l’AUTO-CPAP, ovvero un ventilatore a pressione positiva, erogata tramite maschera nasale, che ha lo scopo di identificare la corretta pressione dell’aria utile a curare l’OSAS.

Il paziente potrà richiedere l’attivazione del periodo di adattamento. 

Il personale sanitario addestrerà il paziente all’utilizzo dell’AUTO-CPAP e dei suoi componenti. Il dispositivo dovrà essere utilizzato di notte dai 15 ai 30 giorni, per garantire la terapia adatta al paziente. Durante questa fase il paziente sarà contattato dal personale sanitario per verificare l’andamento della terapia. 

Questo permetterà di proporre al paziente la cura più adeguata tramite la prescrizione della protesi ventilatoria da utilizzarsi in futuro ed in autonomia.

il paziente potrà inoltre richiedere il servizio di follow-up annuale, che consiste nell’invio trimestrale del report di utilizzo del dispositivo, con referto del medico pneumologo.

Contatta il poliambulatorio per fissare un primo incontro con il personale sanitario che ti mostrerà il monitoraggio cardiorespiratorio (MCR).

 

ORARI APERTURA AL PUBBLICO

DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE 08.30 ALLE 12:00 E DALLE 14:30 ALLE 17:30

La nostra sede è situata a Codogno (LO) in Viale Trento 33/G
(ingresso dietro il Laboratorio Analisi Medical Gamma)

Visite specialistiche

info@polimedicalgamma.it